Il Gruppo Padano di Piadena

TI TROVI IN:HOME PAGE > BIBLIOTECA POPOLARE > LE CANZONI CREATE: > L'USIGNOL

- HOME PAGE
- BIBLIOTECA POPOLARE DI PIADENA
- QUADERNI DI PIADENA
- COOPERAZIONE
- CANTI POPOLARI RACCOLTI
- CANTI CREATI
- EMIGRANTI
- ALBUM FOTOGRAFICO
- IL GRUPPO PADANO OGGI

 


E-MAIL

Usignol

Me dormi poc
Cuma l'usignol
El sèt cuma dormu l'usignol ?
El dormu èn minut
E pò èl sè désèda e èl canta.
E èl sèt perchè ?
Gh'è 'na legenda.
El vec usignol
'na volta
èl pupà dè chesti che
èl dormiva in dèl ciop dè rasi
indua gh'era èl luertis
'n'erba tenera
che crès sultant dè not.
L'usignol
Èl pupà dè chèsti ché
Èl sè indurmentat
E èl luertis
Èl ga ciapàt li gambi.
Alura i fioi i ga imparat da so pupà
Che per mia fase ciapà li gambi
Bisogna mia dormer tuta la not.
El dormu èn minut
E po' èl sè desèda e èl canta:
"Luertis tis tis
li gambi mii tè li ciapet pö!…

 


 

TRADUZIONE:

IL LUPPOLO
Io dormo poco/come l'usignolo/ sai come dorme l'usignolo?/ Dorme un minuto/ e poi si sveglia e canta/ E sai perché?/ C'è una leggenda/ Il vecchio usignolo/ una volta/ il papà di questi / dormiva in un cespuglio di rovi/ dove c'era èl luertis/ un'erba tenera che cresce soltanto di notte./ L'usignolo/ il padre di questi/ si è addormentato/ e il luertis gli ha preso le zampe/ Allora i figli hanno imparato dal loro padre/ che per non farsi prendere le zampe/ non bisogna dormire tutta la notte/ Dorme un minuto e poi si sveglia e canta:/ Luertis tis tis/ le mie zampe non le prendi più".


Nota: il testo in dialetto di questa "leggenda" è stato tratto dal giornalino "Il Mondo" della classe V di Vho, ins. Mario Lodi. Nei numeri 186-187-188-189 di quel giornalino ciclostilato è riportata una intervista a Gaetano Ferrari, detto "Tano Baraca", contadino di Piadena che in quella scuola era considerato un docente di base. Musicata da Sergio Lodi. Cantata dal Gruppo Padano di Piadena per la prima volta a Drizzona il 25 novembre 1977.